17/02/2021
Largo Consumo 02/2021 - Approfondimento - pagina 21 - 1 pagina - Laura Magna
Gdo

Couche-tard: partita ancora aperta

Couche-tard: partita ancora aperta

«Non era il timing né l’approccio giusto nel momento in cui l’economia è alle prese con una pandemia. Penso che gli Stati Uniti e la Germania avrebbero agito come noi dicendo un secco no»: il ministro dell’Economia francese Bruno Le Maire a Davos è tornato sulla vicenda del veto all’acquisizione di Carrefour da parte del gruppo canadese Couche-tard. Ha spiegato nuovamente il perché del congelamento di un’acquisizione che era iniziata solo 2 settimane prima con l’Opa amichevole lanciata dai canadesi a un prezzo di 20 dollari per azione, che valorizzava la preda in oltre 16 miliardi, rispetto ai 13 miliardi del valore attuale sul Cac40. Questa decisione «non significa che la Francia non sia un Paese attrattivo per gli investimenti...

Argomenti

Citati in questo articolo:
le maire bruno, The circle K corporation, Conocophillips company, Sept-jours convenience store, Metro- richelieu inc, Mac’s/ La maisonnée, Silcorp limited, Perrette, Amazon, Carrefour, Deloitte, Galeries Lafayette, Costco, Arnault Bernard, Famiglia Moulin, Alime Couche-Tard, Bompard Alexandre, walmart