09/09/2020
Largo Consumo 7-8/2020 - Approfondimento - pagina 46 - 2 pagine e 2/3 - Maria Teresa Giannini
Pasta secca

Il nuovo avanza nella tradizione

Il nuovo avanza nella tradizione

La regina delle tavole da Torino a Trapani: parliamo della pasta, il cibo nazionale per antonomasia. Genera il 3,5% del fatturato totale dell’agroalimentare italiano ed ogni anno ne produciamo più di 3 milioni di tonnellate, con la pasta secca a farla da padrone: 3milioni e 300 mila tonnellate nel 2019 (+4% sul 2018), per un fatturato complessivo di 4miliardi e 225milioni di euro (+5,3%). l mercato interno vale 1 miliardo e 780milioni di euro, sostanzialmente stabile rispetto allo scorso anno (solo +0,5%), mentre l’export raggiunge i 2 miliardi e 445 milioni di euro, +9,1% sul 2018. Si occupano di pasta addirittura due leggi dello Stato, la 580/1967 nota come legge di purezza e poi la 187/2001. La prima, in particolare «Ha creato la vera unità d’Italia con regole precise e ineludibili per tutti i produttori e ha offerto all’estero un’identità chiara e scevra da particolarismi, senza soffocare le tradizioni locali» spiega Riccardo Felicetti, Ceo dell’omonimo pastificio e presidente della sezione...

Argomenti

Citati in questo articolo:
DonnaVera, tabellini elena, barilla e voiello, bozzella stefania, Francesco Kirn, Carrefour, De Cecco, garofalo, iperal, Cribis, pasta baronìa, mansi emidio, felicetti riccardo, De Matteis, rummo, Di Martino Giuseppe, nucifora fabrizio, pasta armando, unione italiana food, vangelisti valter, Aquilano Carlo