30/03/2021
Largo Consumo 03/2021 - Notizia breve - Pubblicato on line - Redazione di Largo Consumo
Insetticidi

Lo zucchero 100% italiano protegge le api e dice no ai neonicotinoidi

Lo zucchero 100% italiano protegge le api e dice no ai neonicotinoidi

Lo zucchero è una materia prima importante per tutto il settore agroalimentare nonché per la produzione industriale. Senza dimenticare il valore delle sue origini: la coltivazione della barbabietola da zucchero, infatti, oltre ad essere una delle più virtuose in termini di emissioni di gas serra (coltivarla è come se ogni anno avessimo 30.000 ettari di bosco in più) è di importanza strategica nell’ambito della rotazione agricola grazie alla sua capacità di rilasciare elementi nutritivi organici e minerali nel terreno. Con una sensibile riduzione dell’impatto ambientale dell’attività agricola. Per questo, Coprob-Italia Zuccheri – unico produttore di zucchero 100% italiano con la sua filiera tracciata e certificata dal campo alla tavola – ha deciso di mantenere fede ai propri valori sul fronte della tutela ambientale. Un impegno che si concretizza con la decisione di non richiedere la deroga sull’utilizzo di neonicotinoidi per la produzione di tutta la gamma Nostrano, Nostrano Bio e Semolato 100% Italiano. E mentre altri stati europei riammettono l’utilizzo di questi fitofarmaci, lo zucchero italiano – rappresentato da Coprob-Italia Zuccheri – non utilizzerà i neonicotinoidi che, se pur importanti per la coltivazione delle barbabietole, rappresentano una forte minaccia alle api e al loro importante ruolo nel mantenimento della biodiversità, come confermato anche da uno studio EFSA del 2018. Scelta appoggiata anche da Legambiente, fortemente impegnata nel sostegno alle pratiche agricole che non fanno ricorso all'impiego dei neonicotinoidi.

Nell'articolo:

  • Cosa sono i neonicotinoidi