10/05/2021
Largo Consumo 04/2021 - Approfondimento - pagina 49 - 2 pagine - Redazione di Largo Consumo
Carni rosse

Tagli di pregio nella cucina del lockdown

Tagli di pregio nella cucina del lockdown

La pandemia ha avuto effetti ambivalenti sul mercato delle carni rosse, che nel 2020 ha registrato da una parte il calo delle produzioni, dovuto alla crisi dell’horeca, e dall’altro consumi a casa in aumento. I dati di Assocarni segnano -6% per la produzione bovina e -11% per il vitello, particolarmente colpito dalla chiusura della ristorazione, che ha ridotto del 5% anche l’export. «L’unico dato positivo – sottolinea Luigi Scordamaglia, presidente Assocarni – è la valorizzazione maggiore dei bovini allevati in Italia rispetto alla carne importata, con un consumatore sempre più attento alla distintività italiana sia in termini di qualità che di sostenibilità dell’allevamento». Sul fronte dei consumi, i dati del Rapporto Ismea-Nielsen sul terzo trimestre 2020 rilevano un +9,4% della spesa totale nel segmento delle carni, con un’ottima...

Argomenti

Citati in questo articolo:
santini simone, odolini mauro, o'donnell james, Ismea-Nielsen, Unes, Scordamaglia Luigi, Assocarni, Italmark, Fileni, Martin Jeff, Bord Bia, gruppo Gabrielli, HCC Meat Promotion Wales, Italbrix, Rossetto Michele, Ruffini Ennio, Gruppo Rossetto, Fiorani, Mancini Emanuele, fiorani valeria