27/08/2020
Largo Consumo 7-8/2020 - Approfondimento - pagina 73 - 3 pagine - Bagni Benedetta
Pagamenti digitali

Verso un futuro sicuro e invisibile

Verso un futuro sicuro e invisibile

Immediati, comodi e sicuri, i pagamenti digitali sono entrati ormai da qualche anno nel panorama delle vendite non solo on line, ma anche in store proprio per la loro praticità e immediatezza, e saranno sempre di più incentivati a seguito dell’emergenza sanitaria Covid-19 che ci ha coinvolto negli ultimi mesi. Il brand di moda low cost Primark ha scelto di avvalersi dei pagamenti veloci anche per andare incontro alle nuove esigenze e regole che sono seguite all’emergenza sanitaria, incentivando metodi di pagamento rapidi che favoriscano il distanziamento sociale. «Ora che stiamo riaprendo i nostri negozi in Italia – raccontano dall’azienda – incoraggiamo i clienti a utilizzare pagamenti con carta o contactless, quando possibile, in modo da ridurre al minimo la gestione di contanti. Accettiamo i seguenti metodi di pagamento contactless nei nostri negozi: Apple pay, Samsung pay e Google pay».

Argomenti

Citati in questo articolo:
Osservatorio innovative payments, Android pay, Di Ponio Fabrizio, Flying tiger Copenhagen Italia, Bocca Alessandro, Hype, Mistralpay, Passpay, conad, politecnico di milano, eni, iper, tiscali, tcpos, primark, old wild west, cigierre, zucchetti, setefi, wechat, Alipay, Apple Pay, satispay, Apollonio Marco, getyourbill, samsung pay, Bill, google pay, engineering, Axerve, paygo, n26, revolut, gtn, intesa sanpaolo